Centro Socio-Culturale “Keur Gian” in memoria di Gian Stipi- progetto dell’associazione socio-culturale Tör-tör

L’associazione Tör-tör nasce a Brescia il 26 febbraio 2017 dall’idea di un gruppo di amici che condividono lo stesso sentire.
Tör-tör in wolöf, la lingua più diffusa in Senegal, significa fiore. Ma non è solo fiore, è anche promessa. La promessa di una trasformazione, da fiore in frutto. Quando qualcuno vede i tor-tor sugli alberi è felice, presto arriverà il frutto. Ma Tor-tor ha bisogno di incontrare un insetto, un uccello, il vento, qualcosa di altro da se che lo trasformi. Anche noi esseri umani siamo tor-tor, fiori bellissimi. Ma solo l'incontro con l'altro ci trasforma e ci fa vivere.
Lo scopo principale dell'Associazione è promuovere socialità, mutualismo, partecipazione e sviluppo del senso di comunità, e contribuire alla crescita culturale e civile dei/delle propri/e soci/e, come dell'intera comunità. Sono finalità dell'associazione:
la promozione del benessere delle persone e il riconoscimento del diritto alla felicità; la promozione della cultura, delle sue forme espressive, della creatività e delle attitudini creative, degli spazi per l’ espressione, la formazione, la creazione, la produzione e fruizione culturale; il riconoscimento dei diritti culturali, la promozione dell'accesso universale alla conoscenza, al sapere, all'educazione, alla cultura, all'insegnamento e allo scambio interculturale, all'uso delle nuove tecnologie comunicative, alla promozione dell'inclusione digitale; la valorizzazione del sapere e delle pratiche tradizionali di ogni cultura; la promozione del benessere e dell'armonia delle persone, sia fisica che psicologica; la promozione di attività di valorizzazione del territorio attraverso la promozione di stili di vita sostenibili e cittadinanza attiva, con particolare riguardo all'agricoltura biologica, bioedilizia, turismo sostenibile.

In questi tre anni abbiamo realizzato diversi progetti in Italia: laboratori con il bambù e coltivazione dell’orto con i richiedenti asilo provenienti dall’Africa, laboratori di teatro con ragazzi rifugiati africani, trattamenti shiatsu per rifugiati particolarmente vulnerabili, laboratori sulla morte e su come è vissuta nelle diverse culture. Abbiamo collaborato a diversi progetti culturali. In particolare abbiamo collaborato alla realizzazione del documentario “ Con l’aria sotto i piedi” del regista Mario Piavoli che tratta il tema dei migranti e della loro lotta per ottenere i diritti in Italia. Abbiamo collaborato con il maestro d’orchestra Davide Pozzali nel progetto “Migration”, concerto performance con la Brescia Wind orchestra in prima europea a Brescia il 2 febbraio 2019.

L’associazione in questi tre anni è sempre andata in Senegal ed ha sostenuto donne, bambini e orfanotrofi portando giochi, vestiti, materiale scolastico. In questi viaggi abbiamo conosciuto l’associazione “viallage pilote” ( www.villagepilote.org ) che si trova a keur Deny Biram Ndao, il cui obiettivo è recuperare i ragazzi di strada e insegnargli un lavoro. Lo spirito di questa associazione è molto simile a quello di Tor-tor e vorremmo far realizzare a loro la costruzione del centro socio-culturale.

Descrizione progetto:

Il centro culturale è previsto a Toubab Dialaw a sud di Dakar, tra Bargny e Popenguine.Il villaggio è parte della comunità rurale di Yenne. Si trova nel dipartimento di Rufisque (regione di Dakar). Il progetto del centro socio-culturale parte dall’idea dei soci dell’associazione tortor che, dopo tanti viaggi in Senegal in particolare in questa comunità locale, decidono di creare un’interazione fra Italia e Senegal nei seguenti ambiti: formazione professionale in vari settori, spazi culturali legati al cinema, all’arte, al teatro e alla musica e al confronto e approfondimento culturale ( le varie tradizioni ); laboratori creativi rivolti in particolare alle donne e ai bambini; aree di cura e di parola.
L’accesso alle attività del centro prevederà il pagamento della quota associativa a Tor-tor e l’iscrizione al centro.

Formazione professionale:

1. settore informatico

Il progetto prevede un’aula informatica con 5 postazioni pc dove si svolgeranno dei corsi di base ( navigazione in internet, utilizzo pacchetto office e posta elettronica ) rivolti ai ragazzi delle scuole medie e superiori.

2. saldatura,

3. agricoltura,

4. allevamento,

5. falegnameria (barche),

6. cucito, ricamo e tintura di tessuti,

7. bigiotteria: collane e bracciali,

8. profumeria, erboristeria,

9. cucina tradizionale Senegalese e Italiana.

Spazi culturali:

1. Spazio cinema:

all’aperto per la visone di film e documentari che verranno proiettati sul muro.

2. Spazio teatro:

anfiteatro all’aperto dove verranno messi in scena spettacoli teatrali, danze e concerti musicali realizzati da artisti provenienti da diversi paesi.

3. Spazio arte:

una stanza ampia in cui si svolgeranno i laboratori creativi di pittura, creta, legno.

4. Spazio biblioteca:

una stanza dedicata alla lettura con una sezione rivolta ai libri dell’infanzia, alla scrittura ( corsi di lingua italiana e francese, racconti di storie ), all’approfondimento interculturale.

Area di cura e parola:

Una stanza ampia rivolta alla cura e al benessere psicofisico della persona: massaggi shiatsu, yoga e mindfullness ( meditazione ), cure tradizionali ( utilizzo di erbe, olii essenziali), cura dell’anima attraverso la parola e sessioni individuali di elaborazione del trauma attraverso le E.M.D.R. (Eye Movement Desensitization and Reprocessing ) e il Tir ( riduzione dell’incidente traumatico).

Laboratori :

1. laboratori creativi: manipolazione della creta, pittura, scrittura, musica , teatro, cinema e cortometraggi, fotografia, danze, letture fiabe, racconti.
2. laboratori curativi: gruppi di parola per le donne, formazione alla salute.
3. laboratori di mediazione culturale e mediazione dei conflitti.

Disegno :

portfolio 03
portfolio 03

il disegno é realizzato da Paola Giacopelli, Architetta e socia fondatrice di TorTor team member

Il progetto nasce dal desiderio dell'associazione di creare un luogo accogliente, un punto di riferimento per chi è già in Sengal e per chi in Senegal ci vuole andare. Luogo di conoscenza, di scambio reciproco, sostegno dei bisogni della comunità locale, luogo in cui coltivare le arti e dare spazio alla curiosità, alla voglia di conoscersi. In sintesi un edificio in grado di adattarsi a diverse necessità, un luogo caleidoscopico. Progetto ambizioso a cui associare per contro una forma semplice e immediata, affinchè chi varca la soglia del centro si senta accolto e allo stesso tempo libero di fare, di esprimersi.


Fai una donazione

Sostienici nella realizzazione del centro culturale "Keur Gian" in Senegal

Bonifico Bancario

intestato all'Associazione TörTör presso Credito Cooperativo di Brescia.
IBAN: IT55G0869211206029000293336

Carta di Credito o Debito

Potete pagare on-line con paypal cliccando sul link posto qui sotto per effettuare una donazione all'Associazione TörTör.

Fai un'offerta

Newsletter

Rimani in contatto con noi e scopri gli eventi e progetti di TorTor.